Alcune chicche del gamepass

Mi è capitato più volte, sia di persona che su qualche social media, che mi venisse chiesto un consiglio su quale gioco Gamepass scaricare e provare; la mia risposta fondamentalmente é sempre la stessa e consiste nel consigliare di provare qualsiasi cosa ci attiri, dall’ indie al super blockbuster, dal titolo narrativo a quello solo gameplay e sopratutto di provare a scaricare e giocare titoli che sarebbero fuori dalle nostre corde di videogiocatori.

Nonostante ciò proverei comunque a fare una lista di alcuni titoli, sia conosciuti che meno, e che secondo me meritano davvero tanto un download ed una run dedicata, per quanto siano comunque giochi piuttosto famosi e riconosciuti.

Purtroppo i giochi nel catalogo non rimangono all’ infinito (tranne i first party, esattamente come qualsiasi catalogo similare ) e quindi la data di questo articolo sarà piuttosto importante.


Il gioco Horror

Alien: isolation



Alien isolation é un gioco presente nel catalogo da diversi anni ed è fondamentalmente un gioco vecchiotto ma che si difende piuttosto bene ( per chi gioca dalle nuove Xbox gira anche a 60fps tramite FPS boost); io non sono amante dei giochi Horror, anzi, negli ultimi anni non mi stanno proprio attirando, eppure Alien mi piacque davvero molto.

Alien Isolation é una dichiarazione di amore verso il film originale: ne cattura le atmosfere claustrofobiche e di costante pericolo e le inscatola in un survival horror in prima persona davvero ansiogeno ma maestoso in cui dovremmo farci largo in una enorme nave coloniale mentre uno Xenomorfo invulnerabile cercherà di braccarci in ogni modo possibile, basterà fare un rumore di troppo per sentire passi pesanti nei condotti dell’ aerazione venire verso di noi.

Anche narrativamente parlando é valido ed anche da questo lato omaggia degnamente la serie di origine e il film d’ esordio.

Unico personale difetto é che è davvero troppo lungo, per un gioco così difficile e ansiogeno avrei preferito qualche ora di meno, si conclude in circa 15-20 ore.’


Il gioco in pixel art

Carrion


Carrion è un gioco metroidvania in pixel art, con una particolarità interessante:

non si impersona un eroe o un guerriero, bensì un mostro tentacolare fatto di carne, che dovrà sbudellare e uccidere vari umani che lo hanno portato sulla terra e rinchiuso per studiarlo ed esaminarlo.

La sua particolarità é il sistema di controllo in quanto la bestia non si muoverà come qualsiasi personaggio in un gioco 2D a scorrimento, cioè correndo e saltando sulle varie piattaforme, ma si muoverà liberamente fra di essere e il suo tentacolo più grosso sará controllato dall’ analogico destro per catturare i nemici da portare verso la bocca del mostro; Il gioco poi è un normale metroidvania piuttosto classico ma anche abbastanza lineare; si conclude in 5-6 ore.


L’ action indie in terza persona

Hellblade: Senua’s sacrifice


Dato l’ impatto estetico e poligonale del titolo non si direbbe che sia un indie, ma effettivamente lo era prima che la sua casa fosse comprata da Microsoft e diventassero Xbox Studios.

Hellblade è un action dark fantasy in terza persona dove l’ essere un indie si vede sin da subito; non è un gran gioco ma è una bellissima e densissima esperienza da vivere, solo esclusivamente in cuffia.

Senua è una Vichinga che cerca di salvare l’anima del marito morto e la cui testa è appena alla cintura della moglie, Senua soffre peró di schizofrenia ed è un’ emozione straniante e soffocante sentire nella propria testa tutte le voci e i problemi che questa malattia causa alla protagonista.

Il titolo si finisce i 8-10 ore circa.


Il grande RPG

The Outer Worlds


Titolo a medio budget di Obsidian, è un GDR occidentale di stampo sci-fi, open-map, in prima persona.

Il titolo ci immerge in una galassia colonizzata da ex terrestri, che vive nella più bieca tirannia e di cui nemmeno gli abitanti se ne rendono conto.

La bellezza del gioco? Ogni singola azione che andremo a compiere ha ripercussioni quasi immediate sul mondo circostante grazie ad un sistema di affiliazioni alle varie cittadine e bande che compongono la colonia; non solo finali multipli ma anche tantissimi modi diversi di approcciare le missioni e le esplorazioni. Il gioco in questione non ha una durata semi-fissa in quanto le scelte in gioco influiscono davvero molto.


Lo sparatutto.

Doom 2016


Doom non è certamente una piccola perla ne tantomeno un gioco minore, ma il gamepass è strapieno di sparatutto, dagli Halo ai vari Wolfenstein e Gears of War, che sono tutti grandissimi titoli ma che sono tutte piccole variazioni del genere; Doom è lo sparatutto per eccellenza, uno shooter arena in cui si spara senza sosta e senza un attimo di respiro, quando si posa l’ arma da fuoco è solo per sbudellare nemici con una motosega o per spaccargli le ossa a pugni.

Il seguito poi, Doom Eternal, è ancora migliore.


Il gioco demenziale

Turnip boy commits tax evasion


Come dice il titolo… il nostro avatar sarà una rapa che ha commesso una evasione fiscale.. Il titolo in questione è uno Zelda-like in 2D molto semplice e ben realizzato nelle meccaniche, animato abbastanza bene e anche facile da giocare.

I dialoghi sono demenziali su tutti i fronti ma sono comunque divertenti in quanto prendono in giro spesso sia il media, sia i nerd come noi che ci stanno dietro.

Dura circa 3 ore quindi perfetto per un fine settimana.


il vecchio da riscoprire

Fable anniversary


Gioco uscito su PC e Xbox 360.

Si può purtroppo giocare solamente tramite Xbox Gamepass ( non disponibile nel PC gamepass).

L’ eccellenza del GDR di quegli anni, un GDR occidentale in cui c’è un sistema di buone e cattive azioni che influenzano il proprio avatar e come viene visto dai vari abitanti che popolano quelle terre.

Sulle console nuove ottiene l’ Fps boost.


L’ eccelenza suprema.

Ori and the Will of Wisp



Il seguito di Ori and the blind Forest ( che consiglio di giocare comunque anche se molto inferiore al sequel).

Metroidvania tradizionale dalla storia malinconica, con una grafica incredibile in cui ogni frame si potrebbe appendere come quadro in casa.

Musiche incredibili, combattimenti avvincenti in un metroidvania molto classico ma carismatico.

Fondamentalmente difetti pochissimi se non un deficit di rigiocabilità. Dura una dozzina di ore almeno.


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti