SCORN

Aggiornamento: 27 ott


info

Sviluppatore: EBB Software

Piattaforme: PC/ Xbox Series X|S

Data di uscita : 14/10/2022

Genere: Puzzle game

PROLOGO:

Scorn nasce quasi 10 anni fa su Kickstarter ed ha avuto una storia piuttosto travagliata in quanto la raccolta fondi richiesta non andò a buon fine nonostante gli investimenti attuati per mostrare le potenzialità del titolo.

Attraverso Kepler Interactive, Scorn torna di nuovo in vita e ricomincia il ciclo di sviluppo cambiando alcuni elementi chiave della programmazione richiesta al titolo, sia software che umano.

Scorn mi parve subito un capolavoro di estetica, perlopiù da amante della Saga di Alien e sebbene non abbia mai provato un hype smisurato per il titolo, fui davvero felice della sua effettiva rinascita e uscita su Console e PC.


XBOX PC GAMEPASS SCORN GIGER ALIEN
L' influenza artistica è palese, ma è parte portante del gioco, non è solo estetica.

CHI SONO?:


In barba a tutti gli stilemi e a tutti i recenti format videoludici fatti di lunghe cinematiche e tutorial che accompagnano per mano il giocatore facendolo sentire al sicuro e coccolato, Scorn comincia con una corta cinematica in cui il nostro alter ego, un mostro umanoide abbastanza raccapricciante, si sveglia pancia a terra con la carne dolorosamente incollata al terreno; dopo uno sforzo e un dolore immane, il nostro omuncolo si libera e mentre vaga per capire dove sia finito, cade all' interno di una specie di santuario.

Nessun tutorial, nessuna spiegazione, nessuna voce narrante, soltanto io e la solitudine.

Il titolo porta subito su schermo lo stile visivo e artistico di H. R. Giger e Zdzisław Beksiński che da estimatore apprezzo tantissimo fin da subito e che non posso che elogiare sin dalle prime battute.

Muovo i primi passi mentre l'eco dei piedi nudi rimbomba nelle stanze e una musica ambientale e inquietante accompagna il peregrinare del mio alter ego nei bui e claustrofobici cunicoli in cui sono capitato.

Tra urla strazianti e schizzi di sangue mi viene impiantata una chiave universale retrattile nella carne del braccio sinistro che scopro mi permetterà di manovrare diversi macchinari inquietanti e terrificanti in quella che sembra essera una fabbrica di materiale umanoide in cui il protagonista riesce ad interagire abbastanza facilmente, come se quel mondo terrificante fosse sia sconosciuto che terribilmente famigliare.

Inizio così ad interagire con vari macchinari e faccio uscire subito l' unica anima ludica del gioco, rispondente al genere del Puzzle game vero e proprio, nonostante la visuale in soggettiva ed il contesto di orrore e terrore che permane le varie stanze e i meccanismi da visitare, il gioco è chiaramente un puzzle game ad enigmi ambientali piuttosto classico come meccaniche ludiche.


XBOX SCORN GAMEPASS GIGER ALIEN
Le atmosfere sono sempre surreali e malate, oltre che dolorose


ANIME DANNATE:


Sebbene il gioco parta lentamente, tramite lunghe camminate e diverso tempo perduto nella ricerca della risoluzione di alcuni enigmi, con la stessa velocità inizia ad insinuarsi dentro di me una voglia spasmodica di proseguire in questo viaggio spettrale e da incubo.



GIGER ALIEN SCORN XBOX GAMEPASS PC
In tutte le fasi più disgustose saremmo obbligati a guardare l' orrore in faccia, senza dover distogliere lo sgaurdo,quasi sadicamente.

Succedono cose terribili e imperdonabili, che non avrei voluto fare ma che la mia scarsa attenzione mi ha destinato, eppure incessantemente, procedo per risalire dai cunicoli infestati di organismi biomeccanici e dalla morte, facendo fatica a smettere.

Trovo le prime armi e i primi nemici, tra cui un essere informe e infestante che si aggrappa alla mia carne come un parassita, provocandomi dolori lancinanti che scandiranno la progressione dell' avanzamento in gioco, tra urla strazianti e schizzi di sangue, da buon parassita farà comunque di tutto per tenermi in vita.

Trovo anche nemici veri e propri, da uccidere tramite le armi bio-meccaniche che esplodono larve e semi contro gli informi malcapitati e che donano una atmosfera horror e survival un po' più pesante al titolo, accostando il tutto al genere puzzle di riferimento per l' opera.

Infine arrivo al finale dell' avventura che mi lascia piacevolmente stupito, estasiato sia visivamente che acusticamente ma anche parecchio amareggiato.




GIOCO MEDIOCRE, OPERA IMMENSA:


Sebbene sia chiaro sin dai primi minuti che il gioco non mi avrebbe offerto nulla di rivoluzionario, ludicamente parlando, me ne sono pian piano innamorato; Mi sono ritrovato come un bambino imbambolato davanti ad un film dell' orrore, consapevole di dover smettere di guardare per non aver incubi notturni ma incapace di distogliere lo sguardo dagli orrori che sta guardando e che, probabilmente, ne scalfiranno un po' la psiche, oltre che tormentarne il sonno.
Scorn è chiaramente un' opera diversa dal solito, è un 'opera audace che va contro a qualsiasi principio di marketing e di facili vendite perchè prova a farti vivere delle esperienze e a farti riflettere piuttosto che farti spegnere il cervello o ad intrattenerti e basta, è anche un 'opera che va vissuta in fretta, magari con 3-4 sessioni più lunghe per immergersi fino in fondo in quello che offre.
E sebbene come anticipato in precedenza non offra molto a livello ludico, in quanto i vari puzzle ambientali sono sempre piuttosto facili da risolvere ( ad eccezione del primo in realtà che è quello più lungo e tosto) e anche la componente survival e di shooting non sia niente di eccezionale in quanto obiettivamente mediocre nelle varie sfumature dell' offerta, è altresì vero che queste anime di gioco mediocre perdono subito di significato essendo affiancate a delle realizzazioni sonore e grafiche da far accapponare la pelle tramite musiche ambientali spettacolari ed un sound design sublime che vengono amalgamati da una realizzazione tecnica di tutto rispetto e che per i miei gusti si sposa perfettamente alle rappresentazioni visive che vengono messe in mostra per raccontarti una storia da capire e percepire ma che non offrirà mai conferme o smentite su tutto quello che ci farà passare per la testa.

SCORN XBOX GAMEPASS PC GIGER
Inserire le uova e sparare, senza vomitare.

Mi è capitato raramente di pensare o discutere per giorni e giorni ad un determinato gioco, basando questi pensieri e discussioni sulle sole sensazioni provate e vissute e senza andare mai a parlare di meccaniche di gioco, ma con Scorn è andata esattamente così;
Scorn è un po' come Gris o come Hellblade, opere che chiamiamo videogiochi ma che basano tutta la propria potenza sulle emozioni piuttosto che verso la parte meramente ludica.
Sono felice che esistano i giochi caciaroni, quelli che ti strappano una risata quando sei stanco prima di andare a letto, ma vorrei anche che ci fossero più giochi come Scorn, in grado di farti fare qualcosa di nuovo e di stimolare il cervello quanto basta.



Grazie per essere rimasto a leggere l'articolo fino alla fine, fammi sapere nei commenti cosa ne pensi a riguardo di Scorn e di queste opere in generale, alla prossima.





19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SOULSTICE